Home / La Castiglia  / Museo della Memoria Carceraria  / Le Sale  / La pena di morte con iniezione letale

La pena di morte con iniezione letale

L'iniezione letale come strumento per la pena di morte.

Letto per iniezione letale nello stato del Texas

Letto per iniezione letale nello stato del Texas

L’iniezione letale si compone di tre sostanze chimiche: il thiopental di sodio che rende incosciente il prigioniero, il bromuro di pancuronio che provoca la paralisi muscolare e il cloruro di potassio che ferma il cuore. Se vengono somministrati livelli insufficienti di thiopental di sodio, l’effetto anestetico può esaurirsi rapidamente e il detenuto prova un dolore lancinante fino all’arresto cardiaco.

La paralisi, inoltre, impedisce ai condannati di comunicare la propria agonia. Il tempo stimato di sopravvivenza va dai 6 ai 15 minuti. Introdotta in Oklahoma e Texas nel 1977; la prima esecuzione è del decmbre1982 in Texas. Da allora, circa 900 detenuti sono stati uccisi così, in sostituzione di quasi tutti gli altri metodi alternativi: elettrocuzione, impiccagione, gas e fucilazione. Quasi 20 anni dopo la sua introduzione nella statunitense, l’iniezione letale è stata adottata dalla Cina, dal Guatemala, dalle Filippine (che hanno abolito la pena di morte nel giugno 2006), da Taiwan e dalla Thailandia. Negli Stati Uniti, un certo numero di esecuzioni tramite iniezione letale si è rivelato disastroso. Il 13 dicembre 2006, Angel Diaz, nativo di Porto Rico, condannato a morte per un omicidio commesso nel 1979, ha impiegato 34 minuti per morire con questo metodo. Per più di 20 minuti, Diaz si agitava e cercava di parlare. È stata necessaria una seconda dose prima che un medico, indossando un cappuccio sopra il suo volto per nascondere la propria identità, abbia potuto dichiararne la morte. In alcune regioni degli Stati Uniti, è illegale utilizzare tali sostanze chimiche per mettere a morte gli animali, in quanto sono considerate “inumane”.

L’uso del bromuro di pancuronio per l’eutanasia degli animali da compagnia è stato vietato dalle linee guida dell’Associazione veterinaria americana e il suo utilizzo è proibito in diversi Stati. Dal 2003 in Texas è in vigore una legge che vieta il suo utilizzo per l’eutanasia di cani e gatti, eppure il Texas è lo Stato che usa l’iniezione letale più di tutti gli altri, avendo messo a morte quasi 400 persone a partire dal 1982. L’iniezione letale evita molti degli spiacevoli effetti di altre forme di esecuzione: le mutilazioni del corpo e il sanguinamento dovuto alla decapitazione, l’odore della carne che brucia con l’elettrocuzione, visione e suoni inquietanti provocati dal gas e dall’impiccagione, il problema della defecazione e della minzione involontaria.

Per queste ragioni, le iniezioni letali possono essere meno sgradevoli per coloro che sono coinvolti nell’esecuzione. Tuttavia, l’iniezione letale aumenta il rischio che il personale medico sia coinvolto nell’omicidio di Stato, in violazione dei principi di etica medica. (dal rapporto di Amnesty International sulla pena di morte)
Letto per iniezione letale nello stato del Texas

info@museodellamemoriacarceraria.it

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.